NovembreMacerata, lì 03 novembre 2020

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/11/Webp.net-resizeimage.jpg

“L’utopia non è soltanto più nobile, ma è anche più produttiva dell’indifferenza, dello scetticismo, del cinismo.

…cambia tutto!

Che splendida giornata questa mattina, non c’è che dire!
Non c’è niente di meglio che gustarsi un caffè bollente davanti a una vista mozzafiato sulla campagna marchigiana, con il sole che illumina i bellissimi colori autunnali delle alte chiome degli alberi.

Tra gli appuntamenti di oggi ho avuto modo di confrontarmi con la costituzione di una nuova Onlus.

Ora che gli enti no profit rientrano nella riforma del Terzo Settore occorre porre attenzione ad alcune specifiche normative da seguire.

Ora il Terzo settore si rinnova grazie al decreto istitutivo del Registro Unico Nazionale (D.M. Lavoro 106/2020), che ha delle premesse che devono essere verificate in via preventiva e delle complessità regolamentari, che però verranno ripagate in termini di vantaggi fiscali.

LA NECESSITÀ DELL’ISCRIZIONE AL RUNTS

Per ottenere i benefici previsti dal nostro Codice Civile per gli enti del terzo settore e per gli ETS, è imprescindibile l’iscrizione al Runts. L’essenzialità risiede nel fatto che tale iscrizione ha effetto costitutivo.

I benefici previsti sono quelli di natura contabile e fiscale, oltre quelli previsti per le imposte sia dirette che indirette.

Per iscriversi al Runts si deve rientrare nelle categorie espressamente elencate nell’articolo 82 comma 2, come per esempio enti filantropici, società di mutuo soccorso, reti associative, APS (Associazione di promozione Sociale), ODV (Organizzazioni di Volontariato), ecc.

Per ogni tipologia, sono inoltre aggiunti degli obblighi o delle condicio sine qua non peculiari per godere dei benefici generali e specifici.

 DA DOVE INIZIARE?

La prima cosa da fare per l’iscrizione è: definire l’attività da svolgere e la scelta del modello organizzativo ideale per lo svolgimento idoneo dell’attività.

Questi due aspetti influenzeranno la collocazione nel registro e con esso l’applicazione di norme specifiche differenti.

Nel caso di impossibilità di registrazione nelle sezioni precedenti, essa avverrà nella casella “altri enti”: indicativamente tutti gli ETS privi dei requisiti delle categorie o enti iscritti all’anagrafe come Onlus.

Va però ricordato che l’iscrizione delle Onlus deve essere presentata tramite una domanda al Runts, al quale spetterà la verifica dei requisiti oggettivi e soggettivi dichiarati dall’ente.

Per ODV e APS il passaggio dei dati avviene in maniera automatica.

LA MANCATA COMUNICAZIONE

La sanzione prevista per la mancata presentazione della domanda di iscrizione, ha come obbligo di conferire il patrimonio.

Non solo questo è il punto cruciale… infatti anche la mancata comunicazione della presunzione di commercialità o di non commercialità dell’ente, che deve essere prontamente dichiarato nella domanda di iscrizione al Runts porta a delle sanzioni:

  • la perdita della natura commerciale che agisce dal periodo impositivo in cui avviene la trasformazione;
  • l’acquisizione del carattere commerciale che opera a partire dal periodo di imposta in cui l’ente acquisisce tale qualità.

Per tutte le future associazioni che vorranno entrare a far parte di questo mondo, consiglio di restare informati sulle procedure di iscrizione e sulle responsabilità da tenere per evitare accertamenti d’ufficio.

Ora che la giornata sembra giunta al termine questa sera mi bevo una delle mie tisane preferite, accendo una candela profumata e proseguo con un po’ di meditazione…

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
03/11/2020
Hashtag:
#onlus #enti #terzosettore #iscrizione #runts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.