OttobreMacerata, lì 16 ottobre 2020

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/10/Webp.net-resizeimage-7.jpg

“Della vita non bisogna temere nulla. Bisogna solo capire.

…accorciare i tempi

C’è una cosa che mi piace fare più di tutto…leggere!

Che sia un romanzo o un articolo di settore la passione per la lettura è qualcosa che ha sempre fatto parte di me.

Ora con il lavoro, la questione si complica. Correndo avanti e indietro dalla mattina alla sera, risulta quasi impossibile godersi comodamente un buon libro. Per non parlare del fatto che come commercialista devo tenermi sempre aggiornata leggendo documenti, comunicazioni, e-mail ecc.

Per questa ragione ho dovuto

FARE I CONTI CON QUALCHE TRUCCHETTO

Ecco che ho scoperto lo speed reading, una tecnica già in uso negli Stati Uniti dagli anni ’50, che aiuterebbe a guadagnare tempo mediante appunto una lettura veloce.

Badiamo bene… una lettura fatta con criterio, non che salta come un coniglio i paragrafi a caso!

Come funzionerebbe questo metodo innovativo?

Lo speed reading non è altro che un metodo per abituare il movimento degli occhi a comportarsi in maniera diversa, nell’addestrarlo cioè a leggere piccoli gruppi di parole invece che delle singole parole, permettendo di concentrarsi di più sui concetti che sulle singole parole.

Ah ma tanto solo i cervelloni potrebbero riuscire a fare una cosa del genere! – si potrebbe dire.

Eh invece non è proprio così, questa validissima qualità non è innata nell’uomo ma per poterla acquisire occorrono anni di esercizio continuativo che, se incominciato in tenera età, non si modificano.

L’ECCEZIONE NON FA LA REGOLA

Un caso assai noto è quello di un esperto in lettura veloce che era riuscito a leggere in SOLE due ore l’avvincente romanzo di Lev Tolstoj “Guerra e Pace” ricordando testo e trama.
Ma forse chissà, leggere un libro di narrativa in poche ore non serve a molto…l’immaginazione, l’immedesimazione nei personaggi e il passatempo si vanno completamente perdendo in questo modo.
Questo si tratta forse di un cattivo esempio di speed reading, controproducente.

COSA FA IL BUON LETTORE?

Saper leggere veloce, non significa automaticamente essere un buon lettore, viceversa dire che un lettore lento sia un cattivo lettore…di sicuro leggere in fretta un testo con il risultato di non aver capito una parola, non ha alcun senso.

L’obiettivo non consiste solamente nell’accelerare la propria modalità di lettura, ma poter giungere alla velocità massima che permetta di comprendere a pieno il testo che si sta leggendo, soddisfacendo i bisogni del lettore.

Di conseguenza, si potrà notare che la velocità di lettura di testi più complessi si riduce rispetto a un testo che ci appassiona o è di nostro particolare interesse oppure quando si tratta di una tematica che già conosciamo.

Un altro aspetto caratterizzante della nostra epoca è il dove. Negli anni si è sviluppata sempre di più la lettura a video, di giorno in giorno sempre più frequente, cosa che ci impone di aumentare le nostre doti di sintesi, l’apprendimento e la comprensione dei testi.

In tema di speed reading ci sono montagne di manuali, suggerimenti e siti che si possono trovare su questo tema….

io consiglierei di provare ad allenarsi almeno 15 minuti al giorno per qualche settimana per notare già dei miglioramenti che permetteranno di risparmiare ore e ore.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
16/10/2020
Hashtag:
#imparare #tecniche #trucchi #segreti #leggere #velocemente

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.