FebbraioMacerata, lì 19 febbraio 2020

La mattina inizio sempre con la lettura di una bella frase. Mi dà un po’ di carica. La cerco ovunque, nei social, nei libri. Cerco sempre invece di non leggere notizie brutte o negative: non si inizia così la giornata!

Oggi dopo tanti anni ho rivisto una cara amica del periodo universitario, venuta in città per andare a trovare i suoi genitori. Mi aveva scritto qualche giorno fa un messaggio e abbiamo deciso di incontrarci per andare insieme a pranzo, così da poter scambiare due chiacchiere  e aggiornarci a vicenda sulle nostre vite.

Mi ha raccontato di aver proseguito la sua strada fuori Regione e di vivere non lontano dal mare nel Nord Italia. Parlando del più e del meno è uscito fuori il discorso della casa.

Mi ha raccontato di aver proseguito la sua strada fuori Regione e di vivere non lontano dal mare nel Nord Italia. Parlando del più e del meno è uscito fuori il discorso della casa.
Da qualche tempo pagava l’affitto di una casa proprio di fronte al mare, luogo preferito dai suoi due bambini, in cui generalmente trascorre le vacanze estive.

Mi ha detto di aver deciso di stipulare un contratto rent to buy (affitto a riscatto) – una sorta di contratto ibrido tra il contratto di compravendita e il contratto di locazione – con il proprietario dell’immobile per non perdere l’occasione dell’immobile che faceva proprio al suo caso, data la sua posizione geografica e in considerazione delle comodità, in termini di vicinanza, ai principali luoghi di interesse.
Mi ha chiesto: “Che ne pensi tu? Conviene secondo te? Non voglio assolutamente lasciarmi scappare questa opportunità! Poi visto che si trova al piano terra magari, quando andrò in pensione mi trasferirò lì!”.

Le ho spiegato che il contratto impostato sulla forma del rent to buy è molto vantaggioso per chi non ha immediata disponibilità economica, e non può permettersi di acquistare immediatamente l’immobile. Ovviamente il proprietario avrebbe dovuto cederle sin da subito la casa. E nel contratto va previsto un canone che, parzialmente, verrà poi decurtato dal prezzo complessivo della casa.
Quindi ad esempio se il valore dell’abitazione è pari a € 100.000,00 e nel corso di 5 anni lei avesse pagato canoni per complessivi € 30.000,00 (di cui € 10.000,00 come affitto e € 30.000,00 come acconto sull’acquisto, per completare l’acquisto della casa lei avrebbe dovuto pagare a saldo € 80.000,00, perché una parte è appunto già stata saldata durante quei 5 anni.

L’ho avvertita che, per essere valido, nel contratto stipulato tra le parti deve essere indicato il tempo massimo in cui il futuro acquirente, e quindi lei, avrebbe potuto decidere se acquistare la casa o meno.

Le ho aggiunto che in un contratto di affitto a riscatto occorre tenere a mente che il contratto ha valore e può definirsi tale quando vengono soddisfatte due condizioni: che l’immobile venga concesso al conduttore per poterne usufruire e che l’acquisto futuro dell’immobile stesso sia solo eventuale e non obbligatorio. Non sussiste alcun obbligo per le parti di concludere la vendita effettuando il passaggio di proprietà né che alla conclusione del contratto stesso avvenga automaticamente il trasferimento del bene. L’aspetto che viene tutelato dalla normativa vigente è il diritto ad acquistare un determinato bene. I costi comunemente sostenuti per l’acquisto della casa desiderata, incluse le varie imposte richieste per essere in regola verranno chiesti solo al momento dell’acquisto finale, non prima.

Lei mi ha detto: “Bene, almeno controllo per bene il contratto prima di sottoscriverlo. Sai però che è un tipo di contratto che non conoscevo? Vuol dire che quando uno va a fare una passeggiata, incontra per caso la casa dei suoi sogni, uno potrebbe tentare di acquistarla!”.

Mi ha fatto sorridere e le ho fatto capire che non è proprio caso, ci deve essere un venditore innanzitutto. Se l’immobile in vendita, sì, si potrebbe fare il passo avanti per non lasciarselo sfuggire, informandosi e chiedendo al proprietario se accetta questo tipo di formula…magari è la volta giusta!

Per quest’oggi è tutto, buona notte

Se vuoi sapere come far ripartire la tua attività in tempi di crisi manda un whatsapp al numero 379 1186047, una mia collaboratrice ti richiamerà spiegandoti la mia strategia e come lo studio della crisi e dell’insolvenza mi ha insegnato a curare le aziende.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
19/02/2020
Hashtag:
#renttobuy #affittoconriscatto #acquisto #immobile

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.