MarzoMacerata, lì 2 marzo 2020

Stamattina la sveglia è suonata molto presto, ma probabilmente il sogno che stavo facendo era così bello che proprio non lo volevo lasciare!! In altre parole, ho spento la sveglia del telefono e mi sono riaddormentata. Senza che descrivo la scena di quando, dopo un’ora, salto dal letto di supercorsa a svegliare i figli, a fare una doccia e a vestirmi. E ancora una volta non ho tempo di truccarmi……poco male, tanto vado in giro sempre acqua e sapone. Ammiro tanto quelle belle donne ben truccate!! Io non sarò mai così brava…..

Portati i figli a scuola, ho fatto il punto della situazione. E’ lunedi, ho aperto google Calendar, nella mattinata avevo un appuntamento alle 9 e uno alle 11. Poi sarei dovuta andare all’INAIL per una pratica e pomeriggio da trascorrere allo studio di Civitanova Marche. Ho anche deciso di fare pranzo a studio con un po’ di frutta, quindi mi sono subito accaparrata una vaschetta di fragole e una bella arancia (con la speranza che la Vitamina C scacci pure il Covid).

Caro diario, ti racconto dell’appuntamento delle 11. Mi ha chiamato una mia amica che ha avuto un incidente. Lei è consigliere amministratore delegato di una Srl. Mi aveva scritto un messaggio dicendomi che non era stata erroneamente iscritta agli enti assistenziali e previdenziali e che quindi aveva dei problemi per farsi riconoscere l’infortunio. Mi avevo chiesto di vederci per cercare di risolvere la questione.

Alle 11 sono andata quindi da Sara, mi ha offerto un ottimo caffè, e mi ha fatto esaminare la documentazione della società. Sara è consigliere amministratore delegato della società da quando sua madre non c’è piu’. Da due anni quindi è socio di capitali della Srl (in quanto unica erede della mamma) e amministra la società insieme ad altre due persone che sono rispettivamente consigliere e Presidente del Cda.

Mi ha spiegato che lei non svolge alcuna attività lavorativa all’interno della società, se non quella di amministrare. Mi ha chiesto quindi se lei debba o meno essere iscritta necessariamente all’INPS Gestione commercianti e se quindi ha l’obbligo di versare i contributi fissi.

Facciamo chiarezza.

Il socio amministratore di SRL che esercita anche l’attività imprenditoriale partecipando concretamente all’attività lavorativa della società è tenuto al versamento dei contributi. Egli versa i contributi alla Gestione Separata per la quota dei suoi compensi percepiti come amministratore, nonché versa alla Gestione commercianti o artigiani (secondo il tipo di attività svolta) dell’INPS per la sua attività di socio lavoratore.

Sara mi ha guardato un po’ sbalordita e mi ha chiesto se questo volesse dire doppia imposizione contributiva.

Le ho dovuto rispondere di sì purtroppo, ma le ho spiegato che bisogna ben valutare un aspetto.

La legge dice che va valutata la prevalenza dell’attività svolta dal socio amministratore. Ma la prassi nel tempo ha chiarito che il concetto di prevalenza altro non è che l’abitualità e la professionalità della prestazione lavorativa. In altre parole se il socio amministratore svolge effettivamente e sostanzialmente l’attività di cui alla ragione sociale della società, allora egli deve rispettare la doppia contribuzione.

A questo proposito le ho consigliato di leggersi la circolare 78/2013 dell’INPS.

Sara però ha continuato a chiedermi: fa come vuoi, inventati quello che vuoi, ma io non ho intenzione di pagare i contributi INPS Gestione commercianti. Allora ho prospettato alcune soluzioni alternative:

se avessimo avuto la possibilità di inquadrare l’azienda come “attività industriale” non saremmo tenuti all’iscrizione alla gestione artigiani e commercianti INPS (perché solo in presenza di queste attività c’è l’obbligo). Qui però siamo in presenza di un’attività commerciale per cui non possiamo fare niente. Se fosse stata un’attività artigiana, sarebbe stato sufficiente cancellarla dall’Albo artigiani;

altra soluzione per ridurre a zero la quota di contributi da versare è quella di non essere socio della SRL, ma soltanto amministratore. Se le quote sono di proprietà di una persona di tua fiducia (ad esempio un familiare), a quel punto la tua attività è quella di essere amministratore (non socio) della società. In questo modo puoi svolgere la tua attività per la società, senza dover versare un euro di contributi INPS. E le ho anche spiegato che se avesse voluto anche evitare la contribuzione alla gestione separata INPS, la sua attività sarebbe dovuta essere senza compenso. Non c’è infatti di fatto alcuna norma che obbliga l’amministratore di una SRL a ricevere un compenso. Il compenso è deliberato dall’Assemblea dei soci. Se questa non prevede la concessione di un compenso, l’amministratore opera a titolo gratuito. In questo modo avviene la neutralizzazione dei contributi INPS dovuti su una SRL.

A questo punto Sara mi ha chiesto se ritenevo opportuno che donasse la sua quota di società al marito. Le ho risposto che, se veramente si fida di suo marito, questa sì che è l’unica soluzione per evitare la doppia contribuzione o addirittura per evitare proprio il versamento totale dei contributi INPS.

Ci siamo lasciate con l’impegno da parte sua di parlarne al marito e l’impegno da parte mia di comunicarle tutti i costi di un’operazione di questo tipo.

Pomeriggio proseguito con vari incontri all’ufficio di Civitanova Marche.
Mentre rientro sento un’amica al telefono…un’amica del Veneto che mi racconta della situazione paradossale in cui si stanno trovando tutti gli hotel a causa del virus…cancellazione di tutte le prenotazioni fino a ottobre prossimo. Non ho altre parole da esprimere stasera, tanta è la delusione per tutto quello che in Italia sta accadendo.

Se vuoi sapere come far ripartire la tua attività in tempi di crisi manda un whatsapp al numero 379 1186047, una mia collaboratrice ti richiamerà spiegandoti la mia strategia e come lo studio della crisi e dell’insolvenza mi ha insegnato a curare le aziende.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
02/03/2020
Hashtag:
#contributi #inps #gestionecommercianti #socioamministratore

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.