GiugnoMacerata, lì 22 giugno 2020

“Quando si gioca a palla le mosse di chi riceve devono essere in sintonia con quelle di chi lancia: così in un discorso c’è sintonia tra chi parla e chi ascolta se entrambi sono attenti ai propri doveri.

…una malattia diffusissima che forse non ci accorgiamo a volte di avere

La sindrome di Calimero!

Mentre pranzavo ho letto un articolo legato al rapporto tra colleghi a lavoro e mi ha fatto sorridere il nome che hanno attributo a questo diffusissimo meccanismo.

Nel linguaggio comune la conosciamo tutti. Ne siamo costantemente accerchiati e benché in realtà non risolva i nostri problemi ci ritroviamo a farlo più frequentemente di quello che pensiamo.

Sto parlando naturalmente delle

LAMENTELE

Per alcuni è una sorta di sfogo, una forma di antistress o anche una maniera per socializzare, per trovare un punto di comunicazione con i propri colleghi di lavoro… ma niente è più improduttivo di chi assume un atteggiamento negativo del genere.

Seppur appaia nel momento un senso di gratificazione, più ci si lamenta più tale pratica diventa frequente diventando controproducente e rafforzando invece (piuttosto che alleviare) la frustrazione interiore.

Questo si ripercuote anche e soprattutto negli ambienti di lavoro dove è importante che si crei una collaborazione pacifica tra i lavoratori e certamente individui che si lagnano sempre non aiuta.

Come una peste bubbonica, anche la sindrome di Calimero è contagiosa.

Fermiamoci un attimo a pensare e rispondiamo alla domanda: ma lamentarmi mi aiuta veramente a cambiare la realtà?

NO, sentirai gradualmente perdere le energie sopraffatto da emozioni negative sempre più accentuate che si rifletterà inevitabilmente anche a chi sta intorno.

Ecco alcuni dei suggerimenti forniti nell’articolo:

  • Smettere di fare pensieri negativi e di giudicare qualsiasi cosa ci arrivi addosso
  • Riconosci il disagio emotivo che provi prendendone consapevolezza
  • Attivati affinché le idee negative che ti ruotano intorno siano combattute dagli aspetti positivi delle cose.

La mindfulness mi aiuta moltissimo a gestire le emozioni e a ritrovare la pace interiore, consapevole del fatto che, sì una giornata può andare storta rispetto ad un’altra. Può succedere.

Il segreto sta nell’accettare gli eventi che viviamo, e a piccoli passi mettendo in pratica questi consigli, il Calimero che è in noi si trasformerà in un bel cigno.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
22/06/2020
Hashtag:
#sindromedicalimero #lamentele #ufficio #gratificazione #stress

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.