FebbraioMacerata, lì 24 febbraio 2020

Questo fine settimana siamo stati invasi da molte informazioni sul tema del Coronavirus. Nei negozi c’è stata una “corsa al cibo”, come se fosse sorta una grande paura nei confronti del futuro. Tutto questo mi ha invitato molto a riflettere. Sto di nuovo cercando di attingere fortemente alla mia forza interiore, pensando come dominare gli eventi, evitando di subire quello che sta succedendo.

Credo che l’igiene del corpo sia fondamentale, ma è ora che iniziamo a pensare in maniera importante sia all’igiene dell’anima, che all’igiene dello spirito.

Oggi in studio abbiamo ricevuto varie chiamate, praticamente siamo stati tutti tutto il giorno al telefono. Stiamo invitando tutti (ovviamente per lo piu’ imprenditori e professionisti) a coltivare un po’ di equilibrio e calma interiore, per mantenere la lucidità. Non serve innervosirsi o deprimersi. Potremmo approfittare di questa occasione per analizzare un po’ lo stato della nostra vita a tutto tondo. Gli imprenditori spesso corrono, corrono, senza analizzare bene se la strada che stanno percorrendo è giusta. Nel corso della mia esperienza professionale ho imparato che spesso gli errori sono dovuti al fatto che corriamo su quella “ruota del criceto” senza fermarsi a ragionare se ogni aspetto della nostra vita sia giusto o meno. Ad esempio se non dormiamo abbastanza i riflessi sulla salute e sulla performance della nostra vita lavorativa sono molto piu’ grandi (in maniera negativa) di quanto possiamo pensare. A quel punto appunto non siamo lucidi e quindi non riusciamo ad analizzare in maniera cosciente se la strada che stiamo percorrendo è corretta. Ho imparato, a mie spese, che spesso mi sono persa in iniziative che non avevano un obiettivo specifico. Perché portavo avanti certe attività? Io spesso non avevo risposta a questa domanda. La risposta era spesso molto generica: perché mi piace oppure perché credo che mi darà soddisfazioni oppure ancora perché credo mi porterà clienti. Ma poi ho iniziato ad imparare che, potrei pure fare qualcosa perché mi piace e basta, ma non esiste un business basato sul concetto del “credo che” e soprattutto in ambito lavorativo questo non può impegnarti per molto tempo.

Fermarsi per ragionare quindi. Fermarsi. Fermarsi.

E domandarsi: se faccio questo, qual è l’obiettivo finale? Cosa mi porterà effettivamente e sostanzialmente?

E’ importante allora mettersi in silenzio, sfruttare questo momento per riconnettersi alla parte piu’ profonda di noi e per ritrovare le ragioni piu’ profonde del nostro vivere. Non voglio essere catastrofica, ma mi rendo conto che la gente intorno a me non ha la piu’ pallida idea di quello che accadrà.

Ieri sera mi sono rifiutata di andare ad una festa di carnevale con centinaia di persone e sono stata presa per matta e per terrorista. Forse se tutti fossero un po’ piu’ prudenti, penso che potremmo evitare il peggio. Vedremo se il tempo mi darà ragione.

Se vuoi sapere come far ripartire la tua attività in tempi di crisi manda un whatsapp al numero 379 1186047, una mia collaboratrice ti richiamerà spiegandoti la mia strategia e come lo studio della crisi e dell’insolvenza mi ha insegnato a curare le aziende.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
24/02/2020
Hashtag:
#pensieri #meditazione #coronavirus #equilibriomentale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.