GiugnoMacerata, lì 29 giugno 2020

“Non è vero che abbiamo poco tempo; la verità è che ne perdiamo molto.

chi la fa l’aspetti

In atto nuove modifiche in materia di antiriciclaggio per tutte le infrazioni che riguardano l’uso dei contanti e degli assegni a partire da mercoledì.

Fino al 30 giugno 2020 potevano essere utilizzati contanti fino ad € 3.000,00. La soglia sanzionatoria minima si attestava ai 3.000,00 € fino a un massimo di 50.000,00 €.

Dal 01° luglio non potranno essere fatti circolare contanti per importi superiori a 1.999,00 €!

Questa soglia subirà un ulteriore calo a gennaio 2022 raggiungendo i 1.000,00 €.

TUTTAVIA C’È UN MA IN TUTTO CIO’!

Non sarà previsto alcuno sconto per gli istituti di credito e i professionisti che ometteranno di segnalare l’infrazione.

Il decreto fiscale n. 124 del 2019 è stato riesaminato dalla commissione finanze della Camera.

MA NON È TUTTO!!!!!

Secondo la Legge 136 del 2018 inoltre, le sanzioni relative ad assegni bancari e postali per valori uguali o maggiori ai 1.000 €, che non possiedano l’indicazione della ragione sociale o il nome del beneficiario o non contengano la clausola di non trasferibilità si riducono anch’esse.

Questo processo di abbassamento delle sanzioni è legato anche al limite di circolazione del contante, il quale anch’esso appunto scende a € 2.000,00 a partire dal 1° luglio.

I destinatari che ometteranno di comunicare l’infrazione commessa, quali professionisti e banche, per i quali sono previsti gli obblighi antiriciclaggio, non riceveranno alcun tipo di scontistica. Le sanzioni previste per questi ultimi andrebbero da un minimo di € 3.000,00 fino ad un massimo di € 15.000,00.

In sostanza chi cercherà di fare il furbetto dimenticando accidentalmente di aver commesso un’infrazione sarà punito e dovrà scontare tale azione con maggiore severità.

A subirne gli effetti saranno anche le procedure oblatorie per cui chi commetterà un illecito pagherà la multa in forma ridotta calcolata o partendo da un terzo del valore massimo della sanzione per la violazione commessa, oppure si calcolerà facendo il doppio del minimo della sanzione stabilita entro i 60 giorni dal momento della contestazione.

Dunque per chi verserà entro i detti 60 giorni la somma relativa alla sanzione, il valore minimo da versare andrà da 6.000,00 € a 4.000,00 €.  Per chi omette di comunicare le irregolarità avrà una sanzione più pesante, che andrà da un minimo di 3.000,00 € a 15.000,00 €.

Insomma l’Amministrazione non ci dà pace, nemmeno in un momento così difficile.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
29/06/2020
Hashtag:
#sanzioni #antiriciclaggio #infrazioni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.