LuglioMacerata, lì 7 luglio 2020

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/07/Webp.net-resizeimage-3.jpg

“Non si può toccare l’alba se non si sono percorsi i sentieri della notte.

…quando siamo ad un bivio è difficile scegliere

Dicono che le cose semplici sono le migliori ma è veramente così?

Oggi è stato fatto un nuovo comunicato dal Presidente del Consiglio sul DL semplificazioni che ne conferma l’avvio dei procedimenti.

Questo decreto dovrebbe, secondo l’annuncio di Conte, semplificare e rendere al contempo veloci gli interventi in quattro importanti settori:

  • opere cantieristiche ed appalti;
  • responsabilità degli amministratori;
  • diffusione e sviluppo della PA digitale;
  • sviluppo della green economy per l’ambiente.

Per aiutare l’Italia a rialzarsi, il governo ha emesso in materia di edilizia un elenco di 130 opere individuate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti al fine di incentivare gli investimenti.

L’APPUNTO CHE VIENE FATTO È CHE

si tratterà di una strada in discesa per alleggerire la comunicazione fra cittadini e Stato, ma questo non lascerà spazio all’inserimento di attività criminali.

Le stazioni appaltanti saranno dotate di poteri regolatori e per quanto concerne l’allestimento di opere più complesse sarà possibile nominare dei commissari come per quanto è avvenuto per l’Expo a Milano o, più recentemente, per la ricostruzione del ponte di Genova.

Allora mi chiedo: quali sono concretamente i cambiamenti prospettati dal lungo discorso?

Tra le prime modifiche non sarà necessario avviare delle gare di appalto per lavori al di sotto dei 150mila euro…la fascia per l’immediato affidamento sarà tra i 40mila euro fino ai 150mila euro.
Le opere potranno partire da subito con le PA.

PER FARLA BREVE

Non saranno pubblicati bandi fino a 5milioni e la gara verrà negoziata. Sopra tale soglia rimane la stessa regola ma ci sarà un accorciamento dei termini salvo i casi limitanti derivati dal Covid, nel qual caso si procede avviando la procedura negoziale e gli inviti.

STRADA SI IN DISCESA MA…

mantenendo attivo il reato di abuso d’ufficio che non verrà abolito ma solo circoscritto.

Riguardo alla seconda tematica affrontata è stata prevista la regola del silenzio-assenso per gli adempimenti burocratici scaduti. In questo senso, viene introdotta la conferenza di servizi semplificata riducendone i tempi: le amministrazioni coinvolte avranno 60 giorni di tempo per rispondere.

ACCESSI FACILITATI

ai servizi digitali delle Pubbliche Amministrazioni che potrà avvenire con SPID, CIE (Carta d’identità digitale) oppure direttamente da smartphone con l’applicazione IO. Numerose novità insomma che dovrebbero aiutarci a fruire del patrimonio informativo pubblico.

E infine, ma non meno rilevante…la green economy.

Anche qui si prevede una semplificazione dei lavori eseguiti sulle reti di comunicazione elettronica inclusa l’installazione della banda larga.

È qui che viene alla luce il disperato tentativo del governo di evitare che il Paese si blocchi nuovamente.

Diario di:
una Dott. Comm.
Macerata:
7/07/2020
Hashtag:
#dl #semplificazioni #amministrazioni #contrattipubblici #edilizia #sostegno #greeneconomy

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.