NovembreRoma, lì 12 novembre 2020

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/11/Webp.net-resizeimage-6.jpg

“Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.

…condividere è meglio

Devo dire che mi sento fortunata a vivere in un paese piccolo, lontano dalla confusione di una metropoli. Oramai è così…mi sono sì abituata al traffico infinito di Roma, ma viverci credo sia per me impensabile.

Come farei con tutti i miei impegni quotidiani a muovermi da un posto a un altro in poco tempo?
La mia giornata dovrebbe durare almeno 48 ore!

SHARING IS BETTER!

Il fatto di vivere in una piccola realtà non vuol dire però che non ci si possa organizzare per andare al lavoro. Conosco diverse persone – Covid a parte! – che in passato solevano usufruire del car sharing (anche noto come car pooling), ovvero della condivisione dell’auto per recarsi in ufficio e risparmiare sulla benzina.

Si tratta di una soluzione utile che oramai sta prendendo piede in molte situazioni, permettendo a chi lavora nello stesso stabile di risparmiare sui costi del trasporto. Che sia in termini economici, ecologici o umani c’è tanto da guadagnarci!

ANCHE I GOVERNI DICONO YES!

E in effetti è proprio l’Agenzia delle Entrate a dare l’ok a soluzioni di mobilità più sostenibili, alleggerendole da forme di tassazione che disincentivino questa opzione di movimento.

In tal senso il car sharing consentirebbe la deducibilità dei costi sostenuti dall’azienda e la possibilità di godere di benefici fiscali per i dipendenti conducenti nel caso sia prevista l’erogazione di incentivi aziendali per il servizio prestato.

E per le aziende che benefici ci sono?
Il punto a favore sarebbe certamente quello di contare su una maggiore puntualità dei dipendenti, favorendo inoltre la socializzazione tra loro e avere un riscontro dal punto di vista della produttività.

TANTE DOMANDE …TUTTE DA BOLLINO VERDE

Va detto che il carpooling è un sistema di trasporto privato, non professionale, che mette in contatto persone (tramite apposite piattaforme o semplicemente da accordi faidate), che devono percorrere lo stesso tragitto.

Su questo punto si è avviato un interpello da parte di una società che aveva attivato una piattaforma che permettesse ad aziende, sue clienti, di erogare questo tipo di servizio ai propri dipendenti.

Cinque sono stati i quesiti posti all’Agenzia delle Entrate…tutti con risposta positiva!

#1: La prima risposta fornita riguardava la rilevanza tributaria per il quale il servizio offerto dal datore di lavoro non costituisce reddito di lavoro dipendente.

#2: Il secondo quesito concerneva invece la deducibilità dei costi. Su questo punto l’Agenzia ha confermato che i costi sostenuti per l’attivazione del servizio di car sharing debbono considerarsi deducibili per un valore complessivo non superiore al 5 per mille delle spese per prestazioni di lavoro dipendente.

#3: Che dire invece della rilevanza fiscale di quanto percepito dai dipendenti conducenti? Anche qui si precisa che quanto ricevuto dai drivers come forma di condivisione parziale delle spese di viaggio pagate dai passeggeri tramite la piattaforma messa a disposizione, sono irrilevanti ai fini del reddito da lavoro dipendente. Anche dal punto di vista dell’Iva queste somme non sono soggette a imposta

#4: Obblighi di fatturazione per i corrispettivi dovuti per l’utilizzo della piattaforma…viene precisato che i corrispettivi pagati debbono essere assoggettati all’IVA con l’aliquota ordinaria.

#5: Infine ma non meno rilevante, quale sarebbe il trattamento fiscale degli incentivi aziendali erogati (es. buoni carburante ecc.) per i conducenti? Su questo ultimo punto, l’Agenzia risponde che questi importi rientrerebbero nell’ambito del reddito da lavoro dipendente solo nel caso in cui il valore del benefit superi la soglia di € 258,23.

Mi fa molto piacere rilevare che anche dal punto di vista fiscale il servizio di car sharing ha trovato un riscontro positivo di promozione di iniziative interessanti e muovere verso investimenti in questo campo.

Diario di:
una Dott. Comm.
Roma:
12/11/2020
Hashtag:
#carpooling #aspettifiscali #autocondivisa #sharingmobility #carsharing

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

https://www.businessblog.it/wp-content/uploads/2020/03/logo_footer_white.png

Seguimi su:

Seguimi su:

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.
Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.

Copyright by Fabiola Pietrella. All rights reserved.

Le indicazioni che troverete in questo sito non possono essere considerate consulenze professionali, ma semplicemente la trattazione di una normativa o di un caso di studio specifico.